?

Log in

April 2012   01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30
True Romance

1 Maggio

Posted on 2011.05.01 at 10:39
Tags:
L'altro giorno ero in macchina, ferma ad uno di quegli interminabili semafori che sembrano non diventare mai verdi e mi sono intrattenuta leggendo i cartelli piazzati lì su quell'incrocio. Indicavano direzioni che per me sono estremamente familiari, vivendo in quella zona. Non ho bisogno che un cartello mi dica in che direzione girare se voglio andare a Milano piuttosto che a Varese e che se giro proprio in quella strada finirò a Busto Arsizio. Però mi ha colpito quanto fossero proprio al punto giusto. Ok, so che suona scemo, ma ehi, è bello guidare in una zona che non conosci e avere la sicurezza che proprio nella via che stai percorrendo ci siano le indicazioni al punto giusto. Chissà chi ci pensa a dove piazzare i cartelli, mi sono chiesta... Sarà una persona che si mette lì con la cartina a capire i punti migliori? Farà un sopralluogo in macchina? Lascerà tutto nelle mani di un programma informatizzato? E in base a che criteri quel programma è stato programmato? Perchè i cartelli sono sempre proprio dove hai bisogno che siano!
(...tranne fuori da Vinci quando cerchi di tornare a casa di Harriet... xD)
My point is... Quanto lavoro c'è dietro alle cose più scontate! Perchè dopo che qualcuno, uomo o macchina (o cyborg), ha deciso qual è il posto migliore per un cartello, qualcuno deve aver già recuperato le materie prime, qualcun altro deve aver fatto assumere loro le sembianze di cartello, qualcun altro ci deve aver stampato su le informazioni giuste che qualcuno all'inizio deve essersi preoccupato di comunicare, qualcuno deve andare a piazzarlo... Tutto questo lavoro per una cosa che la maggior parte della gente che la incrocia, nemmeno la guarda. Eppure quando una persona si trova lì, straniero in terra straniera, il cartello lo metterà nella giusta direzione.
...o userà il suo tecnologicissimo navigatore satellitare, ma non volete davvero che io mi metta ad elencarvi tutte le persone che possono averci lavorato dietro, dall'omino che ha scavato da terra le materie prime fino al prodotto confezionato, mh? XD

Quello che voglio dire... oggi può essere un'occasione per pensarci un po' di più, a tutto il lavoro che sta dietro a qualsiasi cosa che ci circonda. Possiamo pensare con gratitudine al fatto che se mangiamo qualcosa che ci piace, non dobbiamo ringraziare solo il cuoco/industria che l'ha preparato, ma anche chi ha scavato/allevato/coltivato/prodotto chimicamente i singoli ingredienti, chi ha costruito padelle e strumenti di cottura vari, chi ha fabbricato le singole parti, chi ha estratto del metallo senza sapere che sarebbe servito per una padella e che, ci sono forti possibilità, non ha mai assaggiato niente di simile a quello che in quella padella è stato preparato.
Se hai un libro che ti appassiona, non ringraziare solo l'autore ma tutta la macchina della casa editrice, tutti gli operai che il libro l'hanno effettivamente assemblato, chi si è preoccupato di farlo arrivare dove tu potessi recuperarlo, chi tiene in piedi i posti dove, dopo che avrai finito quello, potrai trovarne un'altro.
Se oggi ti capita di guardare un film, guarda tutti i titoli di coda e cerca di leggere quanti più nomi possibili.
E poi pensa, tutta questa enorme quantità di persona che sta dietro alle cose che ti circondano e ti consentono di goderne, a loro volta ha alle spalle una quantità incredibile di persone che consente loro di fare quello che fanno. Un programmatore di navigatori satellitari ha studiato per saper fare quello che fa, chissà con quanti insegnanti, che potevano insegnare perchè tante persone tengono aperte e fanno funzionare scuole e università. L'operaio costruttore di bulloni per padelle ha un sindacato, lo stampatore di cartelli un medico, il tipografo può raggiungere il posto di lavoro perchè qualcuno ha progettato e costruito la strada che percorre e gli edifici che ospitano la sua tipografia e prima ancora un'amministrazione comunale ha procurato i permessi... Tutto può funzionare perchè c'è un grande grande ingranaggio a catena alle spalle e lavora così bene che nemmeno ci accorgiamo che c'è, non ci pensiamo.
So che là fuori ci sono un sacco di lavoratori che non lavorano come dovrebbero, un sacco di passaggi che mancano, un milione di modi perchè le cose vadano meglio. Ma è già favolosamente incredibile, se ci guardiamo attorno, di quanto funzioni bene tutto e ci faccia arrivare sotto mano quello che usiamo, quello che indossiamo, quello che mangiamo.
Oggi voglio impegnarmi a pensarci con gratitudine ed orgoglio, perchè è merito nostro, di tutti quanti, se le cose funzionano così.

Buon 1 Maggio a tutti e grazie per tutto quello che fate!

Comments:


Shu
shu_maat at 2011-05-01 10:33 (UTC) (Link)
Il post migliore del giorno, senza alcun dubbio. Sono qui che annuisco davanti allo schermo.
Buon primo maggio a te e a tutte le persone che come te si impegnano, nel piccolo o nel grande, per fare qualcosa per gli altri. E rimpallo il GRAZIE <3
Wren
fengtianshi at 2011-05-01 18:39 (UTC) (Link)
Grazie!! Anche se ultimamente sono pigrissima di esprimere alcunchè oggi mi sono sentita ispirata a dire due paroline anche io! Grazie davvero di tutto, anche e specialmente della compagnia! <3
Harriet
harriet_yuuko at 2011-05-01 17:44 (UTC) (Link)
Grazie! :)
Ti ho linkata nel mio post di oggi, che ho avuto poca voglia di fare, e quindi ho sfruttato le tue parole belle!XD
Wren
fengtianshi at 2011-05-01 18:44 (UTC) (Link)
Grazie a te!! *huGGz* <3 Sono felice di essere stata utile, per una volta che ho vinto la mia pigrizia!xD
Anastasia
ladycroix at 2011-06-05 08:55 (UTC) (Link)
Questo post è davvero bellissimo :)
A volte ci penso anche io a tutte le persone che rendono possibile che una cosa venga completata.

Basta pensare a una cosa banale come i film. Non ci sono solo gli attori, c'è il regista, un cast, chi si occupa della colonna sonora, chi della scenografia, chi degli effetti speciali, chi cura i dialoghi, chi fa da controfigura, chi dà la voce, chi il movimento, chi si occupa dell'assemblaggio delle pellicole, chi lo distribuisce, eccetera eccetera. E pensare che la maggior parte delle volte tutto questo nasce da un'altra catena (un libro, editoria, omini che tagliano gli alberi, copiano, traducono, stampano, si occupano delle copertine, etc etc) che a sua volta proviene da un'altra catena (scritto al computer? chi ha costruito il computer, chi lo ha ideato etc/penna, chi ha costruito la penna e l'ha distribuita) bla bla bla.

Oddio, mi sto confondendo, spero comunque che tu abbia capito!
Quindi, hai ragione (: brava, brava!

Aaaah! E, PIESSE. Torna a scrivere, ok? Ti aspettiamo (:
doricewujuz at 2011-11-01 09:47 (UTC) (Link)
Love your site man keep up the good work

Sol
wednesday_sol at 2014-10-30 08:33 (UTC) (Link)
Ciò che scrivi ė bellissimo e molto vero!! Un abbraccio forte Sol Ps. la notte quando è sera, io, Horatio.
Previous Entry  Next Entry